mercoledì 2 novembre 2016

Vergogna

Titolo: Vergogna
Autore: Taslima Nasreen
Editore: Mondadori
Anno: 1995 (edizione originale 1996)
Traduttore: Orsola Fenghi
Stelle: 3 su 5
Pagine: 246
In due parole: la trasformazione del Bangladesh in uno stato islamico nella dura esperienza di una famiglia della minoranza indù


Il 6 dicembre del 1992 dei fanatici indù distrussero in India la moschea di Babri Masjid, l'evento avrà pesanti conseguenze in Bangladesh dove la minoranza indù verrà pesantemente perseguitata. La famiglia Dutto è indù e vive ormai da anni, sulla propria pelle, la trasformazione del Bangladesh da stato democratico e laico a stato islamico e confessionale. I 12 giorni che seguiranno alla distruzione della moschea in India li sprofonderà nel dolore e nell'angoscia, incapaci di riconoscere il paese per la cui indipendenza il padre si è sacrificato, non potranno fare a meno di sentirsi stranieri in patria.

Taslima Nasreen ha scritto questo romanzo sull'onda dello sdegno per le persecuzioni (sistematiche e brutali) a cui la maggioranza islamica sottopose la minoranza indù, vuole essere ed è una dura denuncia verso l'intolleranza religiosa e verso l'indifferenza. Ma è anche la cronaca di una disfatta, quella di un popolo che dopo essersi sacrificato per ottenere l'indipendenza non è stato capace di praticare la tolleranza e la democrazia.