domenica 3 gennaio 2016

A conti fatti

Sull'anno appena passato di cose da dire ce ne sono un'infinità, ma ormai questo blog parla soprattutto di libri e dei libri che ho letto quindi farò il consueto bilancio di fine anno, con tanto di buoni propositi per l'anno nuovo. Veniamo subito ai dati concreti: nel corso del 2015 ho letto 86 libri (tra romanzi, saggi, racconti, graphic novel) ed ho sfogliato 24.973 pagine, la media di voto è stata di 3,66 stelle (non male quindi).

Come i lettori più fedeli sanno su Anobii porto avanti una serie di sfide di lettura, questo anno ho terminato la sfida dei Premi Nobel (15 libri di scrittori a cui è stato assegnato il Nobel per la letteratura da leggere in 2 anni, per finirla mi mancavano 3 Nobel), portato a casa la sfida Lettori extralarge (riservata a chi legge almeno 50 libri in un anno, l'obiettivo è libero io mi ero posta di leggerne almeno 85) e iniziato la Sfidona (senza limiti di tempo, bisogna leggere 54 ibri che rispondono ad una serie di caratteristiche, per esempio un libro per l'infanzia o con più di 500 pagine).

Per quanto riguarda i Premi Nobel ho letto:
  • Romanzi e novelle, Grazia Deledda (premio assegnato nel 1926) 
  • L'urlo e il furore, William Faulkner (premio assegnato nel 1943)
  • A casa, Toni Morrison (premio assegnato nel 1993)
Beh che dire... Nobel strameritati su cui ho poco da aggiungere oltre a quello che ho scritto nelle recensioni. Non vi tedio con la Sfidona e vengo subito ai migliori libri letti nell'anno secondo le mie consuete categorie.

Per la categoria nuove uscite (libri cioè usciti nel corso del 2015) il vincitore è: Diluvio di fuoco di Amitav Gosh. E' l'ultimo libro della trilogia dell'Ibis che in questi anni anni ho letto, amato e gustato, trovate la recensione di tutti e tre nel blog oppure sulla mia libreria di Anobii, ve lo consiglio. Menzione d'onore per L'ambasciata di Cambogia di Zadie Smith: un racconto che è un piccolo gioiello.

Per la categoria libri italiani recenti (usciti cioè da non più di 2/3 anni): Point Lenana di Wu Ming 1 e Alberto Santachiara [2013], il racconto di un viaggio alla scoperta di un pezzo della nostra storia. Appassionato.

Per la categoria libri stranieri recenti (vedi sopra): Democracy di Joan Didion  [2013], una lunga storia d'amore raccontata come se non fosse una storia d'amore, ne sono rimasta folgorata.

Per la categoria classici (libri usciti da un bel pezzo ma che inspiegabilmente non avevo ancora letto): Racconti e novelle di Grazia Deledda, la conoscevo pochissimo, l'ho scoperta con grande gioia.

Per la categoria graphic novel (fumetti quindi, nuovo categoria anche se non ne leggo tantissimi): S. di Gipi, dedicato al ricordo del padre, commovente.

Ecco invece i libri da evitare: Svaniti nel nulla di Tom Perrotta e L'uomo che morì come un salmone di Mikael Niemi. Se fossi in voi poi eviterei anche questi autori e autrici: Simonetta Agnello Hornby e Domenico Starnone.

Per il 2016 ho come obiettivo quello di leggere almeno 85 libri e di finire la Sfidona. Soprattutto ho intenzione di leggere più libri di scrittrici e di comprarli pure, quelli degli scrittori li prenderò in biblioteca.

Nessun commento: